#MOSTRA
S3:E4

E coglieremo i saperi delle nostre resistenze

Cos’è?

E coglieremo i saperi delle nostre resistenze è la prima mostra personale presentata in Italia di Daniela Ortiz (Peru, 1985).

L’esposizione – ospitata all’interno della Stagione 3 di Verso – prevede un corpus di lavori recenti, tra cui dipinti, ricami e installazioni, che riflettono sui temi dell’educazione infantile e della trasmissione di conoscenza come strumenti di resistenza alle forme di colonialismo storico e contemporaneo.

La mostra mette in dialogo una serie di opere d’arte che attraverso diversi linguaggi pedagogici e formati infantili narrano e rivendicano quelle memorie e figure della storia anticoloniale che hanno contrastato la strategia di cancellazione dell’imperialismo. Da Fernandito Tupac Amaru, figlio dei leader rivoluzionari andini deportati Tupac Amaru e Micaela Bastidas, allə bambinə e neonatə dei territori del sud globale vittime delle violente politiche eugenetiche, le opere ritraggono e creano una memoria visiva della persecuzione nei confronti di infanzia, diritto riproduttivo e familiare di coloro che hanno affrontato il potere alimentando, curando e facendo crescere le loro comunità.

Daniela Ortiz (nata a Cusco nel 1985, vive a Urubamba, Peru) ha esposto in mostre personali presso la Kölnischer Kunstverein (2021); La Virreina. Centre de la Imatge, Barcellona (2019), Las Ataranzas Valencia e Middlesbrough Institute of Modern Art (entrambe 2017), Van Abbemuseum Eindhoven (2016) così come in recenti mostre collettive presso Göteborg Insternational Biennial for Contemporary Art; KADIST Parigi; neue Gesellschaft für bildende Kunst (nGbK) Berlin; Kunsthalle Wien (tutte 2021); Kunstverein Hamburg (2020); Contour Biennale 9 (2019).

Bussola

Storicamente il materiale pedagogico rivolto all’infanzia si è avvalso di un’estetica associata all’innocenza e persino alla tenerezza. Ciò non ha mai costituito un ostacolo alla trasmissione di contenuti profondamente politicizzati allə bambinə, anzi è stata una strategia per farlo impunemente. In questo modo le ideologie che sostengono il colonialismo, il patriarcato e il capitalismo sono state impresse nelle popolazioni bianche e imposte al sud globale e alle persone razzializzate. La storia e il presente violenti dell’imperialismo sono plasmati in narrazioni paternalistiche che glorificano le figure della supremazia bianca, mentre allo stesso tempo cercano di cancellare le genealogie, la memoria e la presenza delle resistenze anticoloniali.

QUANDO E DOVE?

Dal 7 aprile al 2 ottobre 2022

giovedì | h 20:00-23:00
venerdì, sabato e domenica | h 12:00-19:00
ingresso libero

Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, via Modane 16, 10141, Torino

PER INFO:
011-3797600

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Esplora l'universo espanso di Verso.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Esplora l'universo espanso di Verso.